Parrocchia e Oratorio San Giuseppe, Dalmine (BG)

il sito web della comunità parrocchiale San Giuseppe di Dalmine

Ma che lingua parla Dio?

Comprendere la volontà di Dio è opera di discernimento mai compiuta una volta per tutte.
La Festa di Maria Assunta è una straordinaria occasione per fermarci e meditare proprio sulla volontà di Dio. Maria ha mosso i primi passi della sua relazione amorosa con il Signore proprio affermando: “Eccomi sono la serva del Signore, avvenga per me la tua volontà”.
Ogni scelta della sua vita è stata quindi operata nella linea della volontà di Dio, sempre anteposta alla sua.


Quando i suoi giorni sulla terra sono terminati Dio stesso ha compiuto in pienezza la Sua volontà: l’Assunzione in corpo e anima di Maria è il sigillo glorioso del Signore che vuole con se Colei che sulla terra ha cercato unicamente di vivere come il Signore vuole.
Victor Hugo ne “I miserabili” scrive: “Dio consegna agli uomini le sue visibili volontà negli eventi, un testo oscuro scritto in una lingua misteriosa, e gli uomini ne fanno subito diverse traduzioni: traduzioni frettolose, scorrette, piene di errori, di lacune e di controsensi. Poche menti comprendono la lingua divina”.
Secondo Hugo la volontà di Dio sarebbe come un testo difficile da decifrare. È come quando si traduce un testo in una lingua diversa da quella che normalmente si parla. Per intendermi con Dio bisognerebbe parlare la stessa lingua. Ma che lingua parla Dio?
Come ha fatto Maria ad intendersi con Dio? Come hanno fatto i santi a capire ciò che Dio vuole?
Poche menti comprendono la lingua divina. Eppure Dio non parla una lingua diversa da quella che parliamo noi. Infatti Dio, l’essere perfettissimo, ha deciso, nella sua infinita misericordia, di farsi uomo, per farsi capire bene dagli uomini. Colui che ci traduce istantaneamente la volontà di Dio è proprio Gesù, la vera trasparenza di Dio. Maria ha accolto la volontà di Dio in pienezza, l’ha conosciuta e realizzata perché ha accolto, conosciuto e seguito il Figlio.
Per conoscere al volontà di Dio quindi non devo fare esercizi complicati di traduzione, come se mi trovassi di fronte ad un testo scritto in una lingua sconosciuta. Se voglio sapere come Dio pensa posso saperlo conoscendo il pensiero di Gesù. Se voglio sapere cosa Dio vuole posso saperlo conoscendo co-sa vuole Gesù. C’era un santo che diceva più o meno: per fare la volontà di Dio in ogni evento della mia vita mi domando: cosa farebbe Gesù in questo momento al posto mio? Si tratta dunque di fare proprio il Vangelo, di assimilarlo e di viverlo. Come ha fatto l’Assunta.
Don Roberto



in Storie di fede e Riflessioni